Comunicare l’idea vegan come rifiuto della violenza

0

Comunicare l’idea Vegan come rifiuto della violenza

Fin da quando è nata a Firenze nel 2001 la nostra associazione, Progetto Vivere Vegan, ha voluto comunicare l’idea Vegan di rispetto per gli altri e di rifiuto della violenza. Sono principi universali e proprio per questo hanno per noi valore se rivolti a tutti gli abitanti della terra, animali umani e non, senza distinzione di specie.

Umani e altri animali, tutti abbiamo interesse a vivere la nostra vita al meglio, all’interno delle leggi naturali. Noi umani abbiamo la capacità di organizzarci per dominare, sfruttare, schiavizzare e uccidere, ma anche di essere positivi e solidali ed evolverci verso un rapporto di pacifica convivenza e di rispetto.

In questa direzione orientiamo il nostro impegno di volontariato, rivolgendoci soprattutto alle nuove generazioni, che potranno migliorare il nostro modo di rispettare l’ambiente e tutti coloro che lo abitano. Per arrivare veramente alla fine della schiavitù degli umani, degli animali e della Terra.

Vegan è semplice

Noi sentiamo come eticamente dovuta la nostra scelta vegan, ma la viviamo anche come esperienza semplice da mettere in pratica nella vita di tutti i giorni.

I cambiamenti positivi si attuano anche con le scelte quotidiane, nella consapevolezza che esse hanno delle conseguenze sul pianeta e sugli altri, umani e animali.

Si può pure iniziare con piccoli passi senza l’aiuto delle istituzioni ma che i vari Comuni potrebbero condividere e rendere più agevoli. Ad esempio rendendo disponibili pasti vegetali completi nelle scuole e negli ospedali, ospitando circhi senza animali, sostituendo nelle città le carrozze trainate da cavalli con mezzi meno crudeli. Sarebbero segnali importanti.

La salvaguardia dell’ambiente e la scelta Vegan

Nel film-documentario “Cowspiracy”, del 2014, un giovane ricercatore nell’ambito delle problematiche ambientali, compie un percorso che lo porta presto a capire la stretta relazione tra inquinamento, spreco di risorse, impoverimento del terzo mondo e sistema planetario degli allevamenti. Questi temi sono sempre più pressanti e all’ordine del giorno ed è doveroso che se ne occupino sia i cittadini che le istituzioni.

Ora che tutte le persone del mondo si stanno accorgendo della grave situazione ambientale è arrivato davvero il momento di agire con azioni concrete e ognuno di noi lo può fare partendo dalla tavola  – scegliendo di mangiare vegetale – limitando al massimo l’uso della plastica, facendo attenzione all’uso dei trasporti e agli acquisti in generale.

Rifiutare la violenza e preservare l’ambiente sono i nostri principi basilari che speriamo sempre più persone vorranno condividere agendo personalmente nel quotidiano.

Dora Grieco
Presidente di Progetto Vivere Vegan ODV
8 ottobre 2019

Nel segno Vegan
A cura di Dora Grieco, architetto, designer e attivista vegan. Riflessioni, informazioni e confronto sul vivere quotidiano nel segno vegan.

I commenti sono chiusi

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Vivere Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi