Lasciamo vivere in pace la mucca di Vinci

0

Di seguito un commento alla notizia della mucca in cerca della libertà a Vinci.

Si può spedirlo, come personale richiesta che la mucca resti libera, al comune di Vinci.

Mail bombing a:
urp@comune.vinci.fi.it,
r.baronti@comune.vinci.fi.it,
e.marmagli@comune.vinci.fi.it,
protocollo@comune.vinci.fi.it,
p.corsinuovi@comune.vinci.fi.it,
c.mancini@comune.vinci.fi.it,
statocivile@comune.vinci.fi.it,
c.giraldi@comune.vinci.fi.it,
a.dimaggio@comune.vinci.fi.it,
comunicazione@usl11.toscana.it,
segreteria@comune.vinci.fi.it

Si legge oggi, 20 Luglio la notizia, pubblicata sul sito firenze.repubblica.it della mucca fuggita da un allevamento di Vinci.

La poverina viene definita “ribelle” senza minimamente fermarsi anche solo un attimo a riflettere che qualsiasi essere vivente desidera, prima di ogni altra cosa, godere di una vita libera.

Ribelle perché il suo “dovere” è sopravvivere quanto basta ad una vita indegna, di sfruttamento e tortura, per poi andare – diligentemente – a farsi scannare.

Inoltre, poichè immedesimarsi nelle sofferenze altrui è una capacità sempre meno diffusa e molto poco incoraggiata – in particolar modo quando si tratta di animali da reddito come di qualsiasi essere vivente fragile, da poter prevaricare e abusare – ci si preoccupa soltanto del fatto che possa nuocere a chi la incontra e quindi si sostiene che debba essere quanto prima eliminata.

Se si partisse dal dato di fatto, innegabile, che si tratta di una creatura spaventata e disorientata che scappa da una vita di maltrattamenti, ci vorrebbe poco a capire cosa cerca e provare, per una volta, almeno per una sui miliardi di suoi simili che non hanno possibilità di fuga e che ogni giorno vanno diligentemente al mattatoio, semplicemente, a esaudire il suo desiderio.

Apriamo gli occhi per una volta, e anche il cuore. La mucca vuole essere lasciata vivere, in pace, la propria vita: è tanto difficile da capire?

E’ troppo vergognoso ammettere che ci stiamo comportando verso gli animali non umani in modo indegno, che stiamo sbagliando e decidere di cambiare?

Si preferisce crearsi un facile alibi, descrivendola come fosse un mostro infuriato che si aggira per sterminarci tutti, per poterla ammazzare prima possibile e non pensarci più?

A nome dell’Associazione Progetto Vivere Vegan di cui faccio parte che si adopera per informare e sensibilizzare sui temi dello sfruttamento e della crudeltà che quotidianamente e diffusamente vengono perpetrate in ogni luogo a spese degli animali non umani e incoraggia, quindi, la scelta di vita Vegan per il rispetto di tutti gli esseri viventi senzienti

chiedo

che questa mucca coraggiosa e intraprendente, diventi spunto di riflessione circa i nostri comportamenti quotidiani, e possa vivere libera da qualche parte dove la sua esistenza venga rispettata, proprio come dovrebbe essere consentito a tutti.

Saluti,

Caterina Servi Scarselli
Progetto Vivere Vegan

Condividi.

I commenti sono chiusi

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Vivere Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi