Destino segnato

0

DESTINO SEGNATO

19 gennaio 2017. La notizia del vitello scappato dal mattatoio di San Giovanni Valdarno (Ar), che dopo una breve fuga verso la libertà è stato ucciso con una fucilata da un vigile urbano autorizzato dal sindaco, ha toccato nel profondo i sentimenti di tante persone.

Perché tanta commozione e indignazione per lui e non per i suoi compagni che invece sono stati “regolarmente” uccisi come succede ogni giorno a milioni di esseri senzienti nei macelli? In fila, uno dietro l’altro, con le zampe sporche del sangue di chi li ha preceduti e consapevoli, anche per questo, di aspettare il proprio turno, il momento di una morte violenta già decisa da chi li ha fatti nascere.

Sono notizie dolorose, ma che possono aiutarci a riflettere. Perché la ribellione di un solo animale al suo destino può aprire i nostri occhi su quelle routine invisibili e atroci degli allevamenti e della macellazione che la nostra mente inconsapevolmente rifiuta.

Chi ha sperato che la corsa del vitello nelle campagne valdarnesi finisse con la sua libertà non può fare a meno di chiedersi perché. Perché si è commosso e ha “tifato” per lui anche se poi non riesce a riconoscerlo nel proprio piatto. Quella carne, che molti mangiano con tanto piacere e senza farsi troppe domande, altro non è che un pezzo del corpo di un animale indifeso che avrebbe voluto essere libero.

Condividi.

Lascia una risposta

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Vivere Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi