Syd

Torna alla pagina degli ANIMALI SALVATI

Piccola biografia di un coniglio di Giovanni Mori e Verbena
Giambastiani (VeG)

Decisi di prendere un coniglio più o meno nell’inverno del 2006, sull’onda delle ripercussioni sulla vita di migliaia di animali della SARS. Vedendo i tg si vedevano intere fosse comuni dove le galline venivano buttate, rinchiuse in sacchi da rifiuti, ancora vive per essere bruciate e successivamente sotterrate. Questo destò in me, oltre alla ripugnanza verso il trattamento di questi animali, la voglia di fare qualcosa di persona per salvare qualche animale da una brutta fine. Non potendo prendere delle galline, decisi per il coniglio. Un coniglio da carne si intende, non un coniglio nano, non volendo supportare il mercato di animali trattati alla stregua di oggetti. Così contattai un mio amico di vecchia data sapendo che sua nonna, allevava i conigli per il consumo familiare.

Syd (il significato del nome verrà spiegato in seguito) nasce nelle campagne toscane intorno a S. Miniato (Pi) nella primavera del 2006. La sua prima casa è stata una conigliera, di quelle come se ne vedono tante fra gli allevatori in campagna che tengono gli animali per il consumo familiare. Quando mi recai da questo mio amico me ne presentò due: uno rosso ed un altro rosso e bianco. Optai, non so perché, per il rosso anche se mi pianse il cuore a scegliere quale coniglio salvare e quale condannare.

Per i primi mesi non ebbe nome, se non quello di “coniglio”. Poi un giorno, tornando in camera dove lui stava libero, trovai la mia rivista musicale preferita completamente rovinata da lui che se la stava mangiando con gusto. Così divenne Syd, in onore del primo cantante dei Pink Floyd Roger “Syd” Barret, che si faceva, con gusto, di LSD (che dalle mie parti vengono chiamati cartoni).

Syd ha passato anche una buona parte della sua vita da pendolare, essendo io stato fino a poco tempo fa uno studente fuori sede, e non accettando di lasciare per una settimana il mio amico a casa da solo, dove nessuno lo avrebbe considerato. Poi, vedendo che questa vita non era adatta a lui, ho deciso di portarlo qualche volta, per rilassarsi dallo stress cittadino, in campagna da Verbena, la mia ragazza, dove ha un bel giardino ed un ristorante vegano, quindi non rischiava di essere mangiato. Quando va in villeggiatura si trova benissimo, grazie anche alle cure che gli vengono date da tutta la famiglia Giambastiani, che si è letteralmente innamorata di Syd. L’unico problema erano i gatti, ben 5, che però non lo hanno disturbato molto, anche perché un coniglio si sa difendere e quindi ha dato una bella lezione ai gatti troppo maneschi, che adesso si tengono lontani.


Nella foto: Syd e Luigi

Torna alla pagina degli ANIMALI SALVATI

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Vivere Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi