Giovanni-Emilio

Torna alla pagina degli ANIMALI SALVATI

E’ possibile che si chiuda gli occhi, il cuore? E’ possibile che l’uomo voglia vedere e sentire soltanto ciò che fa comodo a lui stesso?
Deve essere proprio così.
Sono una veterinaria, ho sempre voluto fare il veterinario per gli animali da reddito. Mi piaceva la vita in campagna, insieme con i paesani, la vita semplice e rurale, come ho vissuto da bambina. Il primo shock che mi colpì fu durante il mio tirocinio al macello. Uno piccolo, in Germania del sud, non di grande capacità. Ma lo stesso erano ogni giorno circa 30 i maiali che vi giungevano morti: non erano sopravvissuti al trasporto. Infarto! Ma forse loro sono stati i più fortunati, non hanno dovuto vedere, sentire ciò che li attendeva all’arrivo…
Poi il lavoro nelle aziende. Mille maiali in stalla, sul cemento, si mangiavano le code, le orecchie.
I vitelli stavano al buio, le vacche alla catena, i polli nelle gabbie. Non riuscivo più a dormire la notte.
Non potevo continuare a lavorare. Ho abbandonato questo mestiere. Mi è passato l’appetito per la carne.

Ma ho continuato a mangiare formaggio e latticini, ho bevuto latte. Avevo dimenticato (?) la prassi di togliere il vitellino alla mamma subito dopo la nascita. Oggi ricordo ancora le grida delle mamme, e quelle dei piccoli che volevano stare insieme con le mamme come prevede la natura. Ma non lo si permetteva per non perdere neanche una goccia del prezioso liquido bianco. Ho scacciato tutti questi pensieri per ben 22 anni. Fino a quando Emilio-Giovanni ha incrociato la mia strada.

45 kg di miseria, una macchia grande e nera lungo la strada che porta a casa mia. Al primo momento ho pensato ad un cane abbandonato. Non è stato facile metterlo in macchina, dargli i primi soccorsi: aveva febbre alta, un raffreddore pazzesco. Non voleva mangiare. Ma ce l’abbiamo fatta. Lui è fortunato, non ha dovuto fare la stessa fine dei suoi fratellini che ogni anno nascono e muoiono in modo strano nel Casertano, ormai sono circa 200.000.

E facendo la “mamma bufala” ho finalmente capito. Emilio-Giovanni non voleva la bottiglia con il latte, cercava sempre la vicinanza del corpo, il calore, le carezze… la mamma! Ho capito che, chiudendo gli occhi ed il cuore, ho partecipato ad una crudeltà immensa: Non volevo uccidere animali per mangiarli. Ma utilizzando latte e latticini dovevano nascere dei vitelli. Vitelli che dalla nascita alla morte erano condannati a soffrire.

La superproduzione di proteina animale in Europa è andata oltre “il normale”. Senza pietà, senza coscienza. Per il bene dell’uomo? Ormai si sa delle cause per il cancro del colon, l’infarto e tante altre malattie. Dobbiamo ritornare ad un’agricoltura più umana, più sana. Deve iniziare un processo di riflessione, un cambiamento dei valori.

Io non devo più vivere con una bugia. Sto benissimo, sono piena di energia come sempre, anzi, forse ancora più energica. Senza carne, senza latte, senza latticini.
Grazie a Emilio-Giovanni!

Dorothea
Castel Volturno (CE)


Nella foto: Emilio-Giovanni e Beppe

Torna alla pagina degli ANIMALI SALVATI

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione di Vivere Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Informativa Estesa o Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi